Attività e Progetti

Le attività istituzionali dell’associazione

L’associazione Voci D’Arte A.P.S. (dal 2021),  persegue fin dall’inizio, obiettivi legati alla promozione e diffusione del canto e della musica sacra tra cui quella della chiesa russa ortodossa. Con questa idea, al di là delle attività di interesse generale indicate sullo statuto, Voci D’Arte si propone nei contest territoriali, con un gruppo vocale formato da professionisti di diversa provenienza.  A questa attività principale si  affiancano la promozione artistica di giovani musicisti, la formazione musicale e vocale e lo sviluppo di collaborazioni musicali con altre realtà.

Altri programmi sono indirizzati alla valorizzazione delle risorse interne. In merito a ciò, l’associazione vuole mettere in campo progetti aventi come oggetto la presentazione di concerti da esibire in contesti di rilevanza storica, culturale e sociale.  Inoltre, Contiamo di intervenire con la pratica e la formazione al canto, dentro strutture scolastiche sia pubbliche che private. Vogliamo che questo sia un affiancamento all’insegnamento musicale tradizionale e a quelle didattiche indirizzate alla conoscenza della lingua russa, visto il riscontro avuto sulla facilità di apprendere con lo studio dei repertori in lingua originale, alcuni fondamentali  aspetti di questa lingua.


I progetti

I Progetti,  saranno per gli anni a venire, finalizzati alla realizzazione di eventi a sostegno dell’inclusione, aggregazione e promozione artistica. Cerchiamo di costruire già dal 2022 un sistema che porti allo sviluppo di eventi musicali per strumenti e per coro dove poter valorizzare sia il luogo dove avverrà l’evento che gli artisti che vi parteciperanno. Vogliamo che il territorio attraverso l’arte, l’architettura e il paesaggio, sia il palco per giovani talenti e si valorizzi attraverso di loro.

I progetti sociali, dovranno invece continuare a sostenere attraverso la musica quale elemento sensibilizzante, costruttivo e portatore di valore culturale, realtà particolari che necessitano di creare contesti aggregandi e inclusivi.